mercoledì 11 novembre 2015

Giapponese (lezione 59): Le particelle finali

Ho accennato nel post 6 riguardo alle Particelle finali ( dette しゅうじょし – Kanji:  終助詞), che  sono quelle che vengono poste alla fine della frase e ne determinano il tono , posso non dare una accezione dubitativa, interrogativa etc.L’unica che ho approfondito in un apposito post (Lezione 13) è stata la particella interrogativa, molte altre erano presenti nelle frasi di esempio, ma non ne ho mai spiegato l’uso, dando per scontata la cosa.
Vediamo di recuperare l’argomento fornendo un elenco delle varie particella usate in chiusura di frase.
Particella finale
La particella よ da alla frase una accezione esclamativa, come il nostro punto esclamativo. Attualmente è possibile usare anche  il punto esclamativo.
E’ la verità!!                                                              本当ですよ。
Ha la funzione di enfatizzare  un aggettivo, come quando in italiano aggiungiamo un “davvero” :
Fa davvero freddo!                                                    寒いですよ。
Può anche essere usata come rafforzativo di una affermazione, una realtà che magari non è colta dal nostro interlocutore:
Suzuki è un alieno, sai?                                           鈴木さんは宇宙人ですよ。 

Particella finale
L’uso prevalente di questa particella è quello di dare un tono di conferma ad una frase:
Non ti piacciono le carote, vero?                               あなたはにんじんが嫌いですね。
Questo film era molto bello, vero?                            その映画はとてもいい映画だったね。
Oggi fa molto caldo vero?                                        今日は暑いですね。

 Particella finale けど

La particella finale けど è usata per ammorbidire il tono della frase. Non è facilmente traducibile, magari  un inciso tra parentesi aiuta a capire il senso:

Oggi vorrei rientrare presto ( è possibile?)              今日早く帰りたいんですけど。
Ho una domanda ( posso farla?)                               質問があるんですけど。

Generalmente, specie in alcuni casi, è usata nel linguaggio femminile.
Gli utilizzi nella lingua moderna sono i seguenti:


1) Con valore attenuativo, serve quindi ad ammorbidire il tono della frase e chiede conferma all'interlocutore. Insomma, è molto simile alle particelle  
.

2)Può dare forte enfasi alla frase e in questo è molto simile alle particelle
. Un po' come se si mettesse un punto esclamativo alla fine.

3)Con intonazione ascendente diventa particella interrogativa prettamente femminile (in sostanza un sostituto della particella
, o viene usata dagli uomini in un determinato contesto colloquiale o quando si vuole rendere la frase più gentile, specie con donne o bambini.



Perché studi giapponese?                                               なぜ日本語を勉強しているの?

4)E ancora, si usa come imperativo o per dare un comando, anche se è il tono in sostanza che dà questo valore alla particella. Non è un vero imperativo, ma in base all'intonazione e al tipo di frase diventa tale.

 




Nessun commento:

Posta un commento