venerdì 2 ottobre 2015

Giapponese (lezione 50): Proposizioni temporali

Vediamo in questo post come costruire delle subordinate temporali, ovvero frasi introdotte da avverbi come “quando”, “non appena”, etc.

Quando 時 (とき)

Quando si traduce con 時 ( lettura: とき), e la subordinata va in forma piana (Futsu tai).

Quando Verbo1, Verbo2.                                 Verbo1 Futsu+時, Verbo2

Scriviamo la prima frase assieme: traduciamo “quando mangi, metti la scodella a destra”. “quando mangi” è  la subordinata temporale , quindi la poniamo in forma piana (Futsi tai) : 食べる. Poi traduciamo la frase principale :  “metti la scodella a destra” (Scodella si dice わん) e avremmo: “わんは右に置きます”. Componendo la frase con  時 alla fine sarà:

食べる時、おわんは右に置きます。

Vediamo altri esempi:

Quando mangi, metti la scodella a destra.                      食事をする時、おわんは右に置きます。
Quando usciamo dal palazzo andiamo a destra.              建物を出る時、右の方へ行きます。
Quando gli studenti arrivarono, stava piovendo.            学生が着けた時、雨がふっていました。
Quando ero all’università suonavo il piano.                   大学の時パアノを弾きました。
Quando farò il concerto ti manderò le foto.                     コンセートをする時には写真をります。
Quando sono salito sull’aereo ero molto spaventato.      飛行機に乗った時とても怖かった。
Quando mio zio legge il giornale, indossa gli occhiali.   叔父は新聞を読む時、眼鏡を掛けます。

A volte, 時 può essere seguito dalla particella は:

Quando spegni la radio, premi questo bottone.             ラジオを消すときは、このボダンを押してください。



Nel caso di frasi col predicato nominale e con la copula sottintesa, si usa  のとき:



Quando ero studente, ero molto giovane.        私は 学生のときにはとても若かった
Quando con la forma condizionale

Ecco un altro modo per tradurre delle frasi temporali. Il verbo si coniuga in forma condizionale たら nella frase subordinata temporale a cui segue la frase principale il cui tempo regola anche i tempo della subordinata.

Quando Verbo1, Verbo2                          Verbo1 condizionale+ら, Verbo 2

Quando tornai a casa i bambini erano già a letto.        家へ帰ったら、子供がもう寝ていました。


Vediamo nel dettaglio una frase un po’ articolata: “Quando arriva l’autunno, il colore delle foglie degli alberi cambia in rosso, giallo…”. Per la subordinata temporale usiamo il verbo なる che significa diventare, che va bene anche per indicare un cambio di stagione.  Il soggetto “il colore delle foglie degli alberi” sarà 本の葉の色が, a cui segue un elenco di sostantivi che indicano i colori:

  秋はなったら、本の葉の色が赤や黄色にかわる。

Non appena…

Il verbo della subordinata temporale va in jisho kei, mentre il tempo è dato dal verbo della principale.

Non appena Verbo 1, Verbo2                      Verbo 1 とすぐにVerbo 2。

Finì per cadere addormentato non appena andò a letto.    彼は布団に入るとすぐにぐうぐう眠ってしました。

Mentre


Per legare due frasi con la congiunzione avversativa ”mentre”, basta separarle dalla virgola.



Mentre io sono in Corea, tu sei a Roma.                  私は韓国に   いる、あなたはローマにいる。




頃は



頃 (lettura ころ) quando usata come suffisso assume il significato di “quando”. Nello specifico se si vuole indicare un’era passata si usa come locuzione の頃は:



Quando + frase1, Frase2                                                Frase 1+の頃は+Frase2



Quando ero una ragazza di 16 anni leggevo i manga. 16さいくらいの子供の頃は、漫画を読みました。

Elenco di azioni



Questo argomento lo abbiamo già visto nel post relativo agli elenchi di azionma qui lo riprendiamo pari pari.



Elenco di azioni in successione temporale

Per elencare una serie di azioni eseguite in successione, si usa la forma in tekei, e l’ultimo verbo è coniugato in modo da esprimere il senso e il tempo della frase. Quindi ad esempio se le azioni sono state svolte nel passato, il verbo che chiuderà la catena sarà coniugato al passato.

Tra le diverse proposizioni si può mettere la congiunzioneそして.



Ho mangiato e sono tornato a casa. 食(た)べて帰(かえ)りました。
Vado e torno. 行(い)って来(き)ます。
Mangiamo, beviamo, parliamo. 食(た)べて、飲(の)んで、話(はな)します。
Vado a Kyoto e mangio. 京都(きょうと)へ行(い)って、食事(しょくじ)をします。
Usciamo dal palazzo e andiamo a destra. 建物(たてもの)を出(で)て、右(みぎ)の方(ほう)へ行(い)きます。
Di solito spengo la luce e dormo. いつも電気(でんき)を消(け)して寝(ね)ます。
Di solito faccio buio nella stanza e dormo. いつも部屋(へや)を蔵暗(くらくら)くして寝(ね)ます。
Stringo la cravatta e vado in ditta. ネクタイをしめて会社(かいしゃ)へ行(い)きます。
Prendo l’ombrello e vado. 傘(かさ)を持(も)って行(い)きます。
Prendi questa strada e vai all’ospedale. この道(みち)を歩(ある)いて病院(びょういん)へ行きます。
Ogni giorno prendo questa strada e vado in stazione.毎日(まいにち)この道(みち)を歩(ある)いて駅(えき)へ行(い)きます。
Ero sorpreso e sono diventato triste. 私(わたし)は驚(おどろ)いてそして悲(かな)ししくなった。
Ieri sono andato a scuola, ho giocato a calcio e sono rientrato.  昨日学校(きのうがっこう)へ行(い)って、サッカをして帰(かえ)りました。
Sono stato a Roma 4 giorni, ho visto molte cose e incontrato molte persone. ローマに四日間(よんにちかん)いて、たくさんの物(もの)を見(み)て、たくさんの人(ひと)に会(あ)いました。
Ho detto arrivederci ed ho lasciato la stanza del prof. 「そろそろ失礼(しつれい)します」と言(い)って先生の部屋(へや)を出(で)ました。
Dopo aver studiato Tanaka è diventato un ottimo medico. 田中(たなか)さんは勉強(べんきょう)して、立派(りっぱ)な医者(いしゃ)なりました。
Vado alle poste e compro una cartolina e un francobollo. 郵便局(ゆうびんきょく)へ行(い)って、葉書(はがき)と切手(きって)を買(か)います。



Elenco di azioni in rigorosa successione temporale

Per rafforzare il fatto che le azioni sono eseguite in successione, si usa il verbo in forma tekei seguito da から oppure col verbo coniugato al passato in forma piana seguito da 後で o da 後は.


Dopo aver studiato guardo un film. 勉強(べんきょう)してから、映画(えいが)を見(み)ます。
Dopo essermi lavato le mani, mangio. 手(て)を洗(あら)ってから、食事(しょくじ)をします。
Dopo aver telefonato il mio amico andrò a casa sua.友達(ともだち)に電話(でんわ)してから、彼(かれ)の家(いえ)に行(い)きます。
Dopo essermi lavato la faccia, vado a letto. 顔(かお)を洗(あら)ってから寝(ね)ます。
Dopo essere entrato in bagno, mi son lavato il corpo. お風呂(ふろ)に入(はい)ってから体(からだ)を洗(あら)いました。
Dopo aver studiato per circa 3 anni, sarai capace di parlare giapponese. 三年(さんねん)ぐらい勉強(べんきょう)してから、日本語(にほんご)を話(はな)せるようになります。
Dopo aver studiato sono andato al mare. 勉強(べんきょう)した後(あと)で海(うみ)へ行(い)きました。
Dopo aver mangiato si dice “gochisoosama”. ごはんを食(た)べた後(あと)は「ごちそうさま」と言(い)います。
Io mangio sushi e Tanaka mangia la mela sashimi. 私はすしを食べて、田中(たなか)さんは刺身を食べます 。 

Elenco di azioni senza ordine preciso

Per un elenco di azioni non eseguite in successione, i verbi vanno coniugati in forma passato piana seguiti da り. L’elenco termina col verbo する. Se c’è solo un verbo, si traduce anche con il senso di “a volte faccio…”.

A casa leggo, scrivo. 家(いえ)で読(よ)んだり書(か)いたりする。
La sera ascolto la radio, guardo la tv. 夜(よる)はラジオ(らじお)を聞(き)いたりテレビ(てれび)を見(み)たりする。
La domenica a volte vado al cinema. 日曜日(にちようび)は映画(えいが)に行(おこな)ったりします。
In stazione la gente sale e scende dai treni. 駅(えき)で人(ひと)が電車(でんしゃ)にのったりおりたりしています。
La domenica leggo un libro, vado al mare, esco con gli amici. 日曜日(にちようび)に本(ほん)を読(よ)んだり海(うみ)へったり友達(ともだち)と出掛(でか)けたりする。


Elenco di azioni: prima di…
Vediamo come fare quando si vuole porre l’accento su una azione compiuta prima di un’altra, cioè una frase di esempio: “Prima di andare in Europa ho imparato il francese”. Separiamo un due frasi:

· “Prima di andare in Europa”. Il verbo in questa parte della frase è subordinato e va in forma Jishokei ed è seguito da 前 ( Lettura まえ)o da前に( Lettura まえに): ユーロッパに行(い)く前(まえ) · “ho imparato il francese”. Questa parte della frase detta il tempo principale e va coniugata secondo il tempo: フランス語(ご)を習(なら)いました

Prima di Verbo1,Verbo2                                             Verbo1 Jisho前 (に) Verbo2。

Prima di andare in Europa ho imparato il francese. ユーロッパに行(い)く前(まえ)、フランス語(ご)を習(なら)いました。
Prima di andare a letto la sera mi lavo i denti.  私(わたし)は夜(よる)、寝(ね)る前(まえ)に歯(は)を磨(みが)きます。
Prima di andare a letto la sera ascolto musica.  私(わたし)は夜(よる)、寝(ね)る前(まえ)に音楽(おんがく)を聞(き)きます。
Prima di andare a scuola bevo un caffè. 私(わたし)は学校(がっこう)へ行(い)く前(まえ)に、コーヒーを飲(の)みます。 Prima di andare a letto ho preso (bevuto) tre pastiglie di una medicina contro il raffreddore. 寝(ね)る前(まえ)に風邪薬(かぜぐすり)を3錠(じょう)飲(の)んだ。
Leggere le FAQ prima di chiamare il supporto operativo per favore. サポートセンターに電話(でんわ)するまえにFAQを読(よ)んで下(くだ)さい。



Tenendo presente che alcune azioni possono essere espresse in giapponese solo con un nome, in quel caso l’espressione da usare  è:

Prima di Verbo1,Verbo2                              Nomeの前 () Verbo2
Mi lavo le mani prima di mangiare.             食事(しょくじ)のまえに()をあらいます。
 

Nessun commento:

Posta un commento